Malassicurazione


Abbiamo pensato di creare "malassicurazione" quale occasione per discutere delle pieghe più oscure, spesso poco indagate, del mondo delle assicurazioni. Le compagnie si presentano al mondo dei consumatori, ma anche delle aziende, professionisti ecc. ecc. come orientate in modo benemerito ad assisterci ove si verifichi l'evento assicurato.

Gli spot televisivi disegnano un mondo fatato, composto di angeli che custodiscono generosamente la garanzia -che abbiamo lautamente pagato- pronti a mostrare il lato amichevole, generoso, affettuoso del loro operare ma, magari nemmeno in gran segreto, nella vita pratica, assoldano squadre di liquidatori, medici legali ed avvocati pronti a sostenere le ragioni dell'assicurazione, e non quelle degli assicurati, ad ogni costo; tentano di uniformare, con circolari che sarebbe bello pubblicare in questo spazio, l'atteggiamento, spesso pretestuso, che i liquidatori debbono tenere allorchè trattino un sinistro.

E' così che alcuni anni or sono, da un giorno all'altro, hanno deciso che il colpo di frusta fosse un'invenzione dei danneggiati, che la malattia temporanea non andasse più pagato come un tempo, in ipotesi di c.d. micropermanenti, ma solo al 75% nelle migliori ipotesi, hanno di recente deciso che il danno morale non esiste più, giovandosi delle maliziose interpretazioni di una sentenza della Corte di Cassazione...e così via. Tutto questo, perchè? Perchè ritenuto più giusto? Perchè più conforme alle regole? Niente di tutto questo: solo perchè avrebbero risparmiato quattrini a danno, ben inteso, dei danneggiati, spesso loro stessi clienti.

Ebbene, quando ci accingiamo a vagliare una polizza, sarebbe bene che conoscessimo anche il volto oscuro, certo non pubblicizzato, delle compagnie, per non farci indurre, da messaggi pubblicitari ai limiti della realtà, a sposare una bella ragazza che possa ben presto rivelarsi una megera.

Eh sì perchè solo chi è vittima di un caso di malassicurazione, ed ha la fortuna di essere informato dettagliatamente sull'abuso, può raccontare ad altri quanto accaduto. Bisogna però avere il coraggio di raccontare, documentandolo ben inteso, quale atteggiamento ha avuto veramente la compagnia di assicurazione, magari la propria, proprio nel momento del bisogno.

Parleremo anche degli sprechi, commessi proprio dalle compagnie di assicurazione che, spesso, anzichè pagare correttamente un danno preferiscono sfidare la sorte in  un giudizio che poi si rivela spesso ben più costoso, anche di due, tre, qauttro volte la somma che avrebbero potuto impiegare sin dall'inizio per fare correttamente il loro lavoro. Ma a chi convengono questi sprechi ? Probabilmente alle stesse compagnie che, così, possono lamentare un deficit sulla cui misura molti dubitano, e continuare a giustificare gli aumenti dei costi delle polizze, a spingere, con governi loro amici , per avere in regalo norme che consentano loro ulteriori risparmi, sempre a discapito del giusto risarcimento.

Come vedete lo spazio per raccontare, denunciare, capire, è veramente moltissimo: attendiamo le vostre storie, pubblicheremo le vostre e le nostre, sempre nella ricerca della verità.

Inserite la parola chiave malassicurazione nel riquadro in alto a destra destinato alla ricerca, troverete tutti i documenti correlati.

Segnalate i vostri casi QUI,

Gli argomenti dei quali intendiamo occuparci:

  • chi sono le vittime della malassicurazione
  • malassicurazione per cattiva gestione dei sinistri, chi paga ?
  • malassicurazione e le strategie a tavolino per non pagare
  • casi straordinari di malassicurazione
  • proposte per combattere la malassicurazione
     

Approfondimenti 

Seguici sui Social Network 
 
FBacebook:
 
News giuridiche grazie a 
   
Unione Nazionale Consumatori 
 


Comitato Provinciale di Treviso
Tel. e Fax: 0438/420581
Email: consumatori@consumatori.net
 

 
pix
 
     

Copyright ’© 2005-2008. Unione Nazionale Consumatori, Comitato per la provincia di Treviso. All Rights Reserved.
Questo portale è stato sviluppato da Metarete s.r.l. e utilizza la piattaforma metaNuke

Valid XHTML 1.0 site Valid CSS site