Vacanza da incubo in Mar Rosso, UNC chiede i danni

Argomento: News consumatori [1]

CONEGLIANO. Una vacanza da sogno sul Mar Rosso si è trasformata in un incubo. Due giovani amici, alla ricerca di relax sulle spiagge dorate di Sharm el Sheik, hanno invece trascorso i sette giorni di vacanza a letto con una grave forma di gastroenterite. L'Unione Nazionale Consumatori chiama in causa la compagnia di viaggi e chiede i danni.
«I nostri assistiti ci hanno spiegato che i guai sono cominciati fin dall'arrivo sul Mar Rosso - spiega Nicola Todeschini, legale dell'Unione Nazionale Consumatori - condizioni igieniche dell'albergo pessime e cattiva qualità degli alimenti. S.G ed R.T., partiti insieme da Conegliano per una vacanza, hanno contratto la grave infiammazione dello stomaco e dell'intestino due giorni dopo l'arrivo. Al ritorno, si sono recati dal medico di fiducia e hanno ottenuto un certificato attestante la malattia. L'Unione Consumatori ha già inviato una lettera alla compagnia di viaggi in cui chiede il rimborso dei cinque milioni spesi dai due giovani. Fallita la vacanza, insomma, si tenta almeno di recuperare le perdite. «I ragazzi erano in buona salute e la nostra convinzione è che la gastroenterite sia stata dovuta alle cattive condizioni igieniche dell'albergo - spiega Todeschini - auspichiamo che la compagnia dimostri la sua serietà provvedendo almeno al rimborso delle spese».



Collegamenti

  [1] http://www.difesamalato.it/module-News-view-topic-40.phtml
  [2] http://www.difesamalato.it/module-News-display-sid-10.phtml